Arte e Cultura

“La spiaggia, il golfo, le insenature del mare, il Vesuvio, la città, i sobborghi, i castelli, le ville! Questa sera ci siamo recati alla Grotta di Posillipo, nel momento in cui il sole, passa con i suoi raggi alla parte opposta. Ho perdonato a tutti quelli che perdono la testa per questa città…”.

LA "SCARPETTA" DELLA MADONNA

Non tutti sanno che la nostra tradizione è alla base della più conosciuta fiaba di “Cenerentola”.
Ora vi raccontiamo una bellissima storia: la leggenda dello “scarpunciello d’‘a Madonna” è ambientata proprio in una “Grotta sulla spiaggia di Mergellina”.
La tradizione popolare racconta che una statua raffigurante una “Madonna con Bambino“, una scultura lignea proveniente dalla bottega di Tino di Camaino (scuola senese del ‘300, ndr), – “se ne stesse in una grotta sulla spiaggia di Mergellina, dalla quale sarebbe uscita, una notte; camminando sulla spiaggia, un po’ di sabbia le sarebbe entrata in una scarpa, ch’ella si sarebbe sfilata, per estrarla,perdendola, mentre s’affrettava a rientrare. Il mattino seguente, i pescatori avrebbero ritrovato lascarpetta sulla spiaggia; poi, ispezionando il luogo, nella grotta avrebbero rinvenuto anche la statua, che n’era priva”. [Cfr. C. Canzanella, I volti di Maria, Napoli 2002, p. 51].
A questa leggenda si riallaccia l’antica tradizione di regalare alle spose ”o scarpunciello d’‘a Maronna”, una scarpetta dotata di virtù magico-protettive per le partorienti, le quali, per tradizione, andavano presso la chiesa della Madonna di Piedigrotta, dove tutt’ora c’è la statua lignea della Madonna.
Sembra che a questa leggenda si faccia persino risalire la favola della “Gatta Cenerentola” di Giambattista Basile, sulla quale, com’è noto, si basa la fiaba di Cenerentola di Charles Perrault.

IL SEBETO, IL FIUME DIMENTICATO

Sebéto era il nome del fiume che bagnava l’antica Neapolis. Il suo antico nome greco Sepeithos, traducibile come “andar con impeto”, probabile riferimento al corso irruente del fiume.
Il fiume Sebeto, scendendo dal monte Somma, attraversava le campagne di Casalnuovo, Volla, Ponticelli per dividersi a Napoli in due rami, uno sfociante al Ponte della Maddalena, l’altro alle falde della collina di Pizzofalcone, nei pressi dell’isolotto di Megaride, dove s’insediò il primitivo porto di Partenope.
Un’affascinante leggenda narra del grande amore, coronato dal matrimonio, tra Sebeto, ricco signore che abitava una rigogliosa campagna nei pressi di Napoli e Megara. Il loro idillio purtroppo durò poco poichè Megara, durante una passeggiata fra le acque del golfo, spintasi troppo vicino alla costa, dove il
mare è sempre tempestoso, divenne preda delle acque ed annegò, trasformandosi in scoglio. Appresa la terribile notizia, Sebeto si sciolse in amare lacrime diventando acqua, per gettarsi nel mare dove Megara era morta. Nell’attesa che il Sebeto risorga da quel limbo in cui è stato sepolto, il popolo partenopeo può ammirarne le effigie custodite a Mergellina, al Largo Sermoneta, dove si trova la Fontana del Sebeto.
La Fontana del Sebeto fu voluta dal vicerè Fonseca nel 1635, il quale affidò il progetto all’architetto Cosimo Fanzago. Il Sebeto viene rappresentato come un vecchio dalla barba fluente in posizione adagiata su una conchiglia tra due obelischi. Affiancate figurano le sculture di due tritoni portatori delle buccine (piccoli vasi) da cui sgorga l’acqua. Per qualche secolo la fontana venne situata accanto alla statua del gigante, sita in Largo di Palazzo (attuale via Cesario Console), ma in seguito subì numerose ricollocazioni: solo nel 1903 fu sistemata in via Partenope ed infine a Largo Sermoneta, di fronte a noi, dove tutt’oggi è possibile ammirarla.

COMME NASCETTE NAPULE

Napule è na città ca tene quase tremila anne; essa, e sulo poca ggente ‘o ssape, è cchiù vecchia ‘e Roma e comme nascette ce ‘o ddice ‘o cunto d”a sirena Partenope.
Partenope, Ligeia e Leucosia erane tutt’e tre figlie d”o ciummo Acheloo e d”a musa Calliope. Chesti figghiole erane belle quanto ‘o sole, ma Partenope era ‘a cchiù bella e sapeva cantà accussì bbuono ca faceva ncantà ‘a tutte ‘e perzone câ sentevane. Esse erane l’ancelle ‘e Persefone, figlia a Demetra, e quanno Ade s”a purtaje dint’ all’Inferi ‘a dea s”a pigliaje cu ‘e gguaglione, facennole addeventà aucielli rapace câ capa ‘e femmene.
Esse stevene pê zzone ‘e chella ca ogge chiammame ‘a penisola ‘e Surriento, e se putevane truvà spisso ncoppo a Li Galli, o Sirenusse (ca vò dicere “scogli d”e sirene), tre isolotti ca mo stanne dirimpetto a Positano. Omero dice ca llà avette da passà Ulisse, ma Circe, ‘a strega, le dette n’avvertimento: quanno ‘a luntano se ncuminciavane a vedè ‘e Sirenusse, isso e ‘e cumpagne suoje s’avevane d’appilà ‘e rrecchie cu nu poco ‘e cera, pecché ‘o canto d”e sirene faceva ittà l’uommene a mare e murevane affucate, tant’era overo ca vicino a chelli tre ce steva nu muntone ‘e cuorpe muorte, fracete e fetuse. Isso, si ‘e vuleva sentì ‘e cantà, s’aveva da fà attaccà stritto stritto all’albero d”a nave, in modo ca ‘e niscina manera se putesse movere, e si pregava pe se fa sciogliere ‘e ccorde s’avevane da radduppià.
Propio accussì facette Ulisse e fuje cchiù forte d”o canto d”e ssirene, ca pâ collera se lassajene affucà. ‘A currente d”o mare se purtaje a Leucosia nu poco cchiù bascio ‘e Posidonia, o Paestum, addò oggi se trova appunto Licosia; Ligeia a Terina, na città ncoppo ‘e coste d”a Calabria, e Partenope a Megaride, l’isolotto ‘e Castel dell’Ovo. Propio llà ‘e Cumani, ca po venevane da l’Eubea (in Grecia), pecché era nu posto prutiggiuto dâ sirena scigliettene ‘e fà nascere chesta città ca lle dettero ‘o stesso nomme d”a vergine, Partenope. Era ‘o seculo Settimo primma ‘e Cristo.
Pe tanta secule ‘a sirena Partenope è stata amata e venerata da ‘e Napulitane, nzieme a Virgilio poeta e mago, e tutti ‘e dduje erane a prutezione d”a città. Partenope era na madre ca deva abbuddanza, stutava ‘a raggia d”o Vesuvio cu ll’acqua ca l’asceva pe ‘o pietto e, siconno ancora n’ata leggenda, fuje essa a regalà ‘a pastiera ‘e grano ascenno ‘a dint’ ll’acqua d”o mare e facenne vedè comme se priparava. Cchiù appriesso Santa Patrizia pigliaje ‘o posto ‘e Partenope, ca era na figura pagana e era proibbito d”a venerà, però i Napulitani, ‘e figli suoje, nun se l’hanne maje scurdata.

LA LEGGENDA DI PARTENOPE

La più romantica delle leggende sull’origine della città di Napoli è sicuramente quella che rimanda alla sirena Partenope, una delle tre figlie della musa Calliope.
Partenope aveva una voce melodiosa e incantava tutti i naviganti col suo canto, ma era solo un trucco per attirarli a sé e farli suoi schiavi.
Le sirene avevano tentato di attirare Ulisse con la loro voce melodiosa, come narrato da Omero nel XII canto dell’Odissea, ma avevano fallito nel loro compito; si sarebbero, perciò, lasciate andare alla furia delle correnti, fino a schiantarsi sugli scogli delle coste italiche.
La bella Partenope, trascinata morente fino all’isolotto di Megaride (su cui oggi sorge il Castel dell’Ovo), sarebbe stata distesa e poi venerata come una dea dai pescatori del posto. Il suo corpo, dissoltosi, avrebbe dato forma all’inconfondibile profilo della costa partenopea, dall’altura di Capodimonte, ad oriente (dove sarebbe riconoscibile il capo della sirena), fino al promontorio di Posillipo, ad occidente.
Dalla bella sirena Partenope i napoletani avrebbero ereditato la loro indiscussa attitudine alla musica, al canto, alla bellezza ed alle arti…

“Bella e sensuale troneggia Partenope sul suo scoglio privato, quattro animali a farle da cavalieri. La sirena rivoluzionaria con il pugno alzato. Che fesso Ulisse, sordo alle sue lusinghe! Le andò meglio con Napoli, che accogliendola, riservò per sé sola tutti i canti a venire”.

“Abbiamo bisogno di contadini, di poeti,
di gente che sa fare il pane,
che ama gli alberi e riconosce il vento”.

Franco Arminio

INDIRIZZO

Via Mergellina 8 80122 Napoli

TEL.

+39 081 424 4105

EMAIL

info@renasone.it

PER INFO

CONTATTACI